I pre-giudizi sulle nuove uscite dal 4 al 10 marzo

I pre-giudizi sulle nuove uscite dal 4 al 10 marzo

2013-03-05T21:33:42+00:005 marzo 2013|

 

Tutti gli album sono in uscita il 5 marzo.

[divider scroll_text=””]

[space height=”10″]Chelsea Light Moving: Chelsea Light Moving

Chelsea Light MovingmartiniPotrei stare qui a fare mille discorsi su quanto ci mancano Kim e Thurston, su quanto l'output del biondo chitarrista negli ultimi anni sia stato solo un pallido ricordo della furia dei migliori Sonic Youth, su quanto alla fine molte delle sue canzoni (vale a dire quelle più pop nel repertorio della band) si assomiglino l'una con l'altra, ma la verità è una sola: sono veramente contento che esca un nuovo album di Thurston Moore, e sono veramente curioso di vedere cosa combina con questo nuovo gruppo. Le prime indiscrezioni parlano di un suono distorto e dissonante, molto lontano dagli ultimi album acustici: io mi prenoto!

Compralo su Amazon a 11,15 euro

[divider scroll_text=””]

[space height=”10″]The Replacements: Songs for Slim EP

The Replacements - Songs for Slim EPbirraCome? Tornano i Replacements e non stappiamo nemmeno il martini? Mi immagino già le lamentele degli indie rockers ingrigiti di fronte al boccale qui a fianco, ma cercherò di spiegarmi: anch'io, come tutti gli appassionati di un certo modo di fare musica (che potrei riassumere con l'espressione "buona la prima") sono caduto dalla sedia quando ho saputo che Paul Westerberg e Tommy Stinson si erano riuniti per registrare dei nuovi pezzi. Ma al di là dei facili entusiasmi, la realtà è che per ora non si tratta affatto di una reunion, ma di un (lodevole) tentativo di aiutare un amico (l'ex chitarrista Slim Dunlap, che se la passa molto male dopo un infarto). Per registrare questo EP i due devono aver pensato (in puro stile Replacements) di fare meno fatica possibile: e così ecco cover di classici country & western a profusione, ma neanche un pezzo nuovo. Insomma, sono contento che siano tornati i Mats, ma questo EP probabilmente non sarà un granché. Offro loro una birra, che sicuramente apprezzeranno…

[divider scroll_text=””]

[space height=”10″]How to destroy angels_: Welcome oblivion

How to destroy angels_: Welcome oblivionbirraIl debutto sulla lunga distanza del nuovo gruppo di Trent Reznor sembra contare molto meno da quando il buon Trent ha annunciato di voler far tornare in scena i suoi Nine Inch Nails. Gli EP pubblicati finora dalla nuova band sembravano voler continuare il discorso iniziato dalle sue recenti colonne sonore, ma ora risultano poco più che un riempitivo in attesa di vedere cosa combineranno i NIN questa estate. Peccato, perché sono sicuro che i fan delle atmosfere più inquietanti (e meno apertamente aggressive) contenute nella sua musica qui avranno pane per i loro denti.

Compralo su Amazon a 8,84 euro

[divider scroll_text=””]

[space height=”10″]They Might Be Giants: Nanobots

They Might Be Giants: NanobotsacquaQuesto duo è in giro da molto tempo, forse troppo: se all'inizio degli anni '90 le loro canzoncine allegre e decisamente assurde potevano essere divertenti, è da parecchio che sembrano aver perso terreno. Del resto gruppi simili (Fountains of Wayne, The Presidents of United States of America) hanno appeso gli strumenti al chiodo già da parecchio tempo, e il problema per chi cerca di far sorridere con la musica è che è difficile riuscire ad avere sempre nuove idee e mantenere l'attenzione del pubblico. TMBG vi vogliamo bene, ma dopo sedici album forse è arrivato il momento di smettere…

Compralo su Amazon a 9,88 euro

[divider scroll_text=””]

[space height=”10″]Matthew Herbert: Herbert Complete (Box Set)

Matthew Herbert: Herbert Complete (Box Set)birraSulla musica elettronica sono veramente ignorante: prendete ad esempio Matthew Herbert, che da più di quindici anni sforna dischi molto apprezzati dalla critica; ebbene, io l'ho sempre ignorato fino a quando due anni fa non ha avuto l'idea di registare i "momenti salienti" nella vita di un maiale e utilizzarli poi per l'album One Pig. L'idea mi è sembrata talmente assurda da abbattere la mia consueta apatia per la musica concettuale, e ora ho l'occasione di recuperare tutto il tempo perduto con questo box set. Fatelo anche voi…

[divider scroll_text=””]

[space height=”10″]Autechre: Exai

Autechre: Exaibirra

Idem come sopra: cosa so degli Autechre? Pochissimo, so solo che fanno elettronica decisamente ostica, sono uno dei nomi più osannati del genere insieme ad Aphex Twin e hanno realizzato dei video veramente fighi in passato (con e senza Chris Cunningham). Questo è il loro undicesimo album e probabilmente io lo troverò simile ai dieci precedenti. Ma voi accomodatevi pure…

Compralo su Amazon a 14,88 euro

[divider scroll_text=””]

[space height=”10″]Suuns: Images Du Futur

Suuns: Images Du FuturbirraUna volta ho sentito un brano di questo gruppo e mi ha colpito parecchio. Il pezzo si chiamava Arena e in pochissimo tempo non riuscivo più a togliermelo dalla testa: iniziava un po' troppo simile a Silent Shout dei The Knife, ma poi andava in tutt'altra direzione, ricordando le cose migliori dei Radiohead più che un freddo prodotto dell'elettronica. Insomma, se devo giudicare solo da quel pezzo, l'aspettativa per questo nuovo lavoro dovrebbe essere decisamente alta, ma visto che non li conosco molto ci andrò ancora cauto. Alla prossima per il martini...

Compralo su Amazon a 15,32 euro

[divider scroll_text=””]

[space height=”10″]The Thermals: Fuckin A, The Body, The Blood, The Machine, More Parts Per Million (Ristampe)

The Thermals: Fuckin A, The Body, The Blood, The Machine, More Parts Per Million (Ristampe)martiniSui Thermals sono pochissimo obiettivo: dai tempi di More Parts per Million mi fanno impazzire le loro canzoni semplici ma sempre dotate di melodie a prova di bomba e una carica di energia da far impallidire qualsiasi altro power trio. Anche se negli ultimi anni la formula si è un po' appannata, ora arrivano questre tre ristampe a farci riscoprire tutto il buono che hanno prodotto nei primi anni: More Parts per Million è registrato con un walkman (e si sente), ma Fuckin A e soprattutto il capolavoro The Body, The Blood, The Machine sono album assolutamente da avere.