Twoo Sides #3: Bill Callahan – Shepherd in a Sheepskin Vest

Twoo Sides #3: Bill Callahan – Shepherd in a Sheepskin Vest

2019-09-24T22:52:18+00:0026 Luglio 2019|

Il 14 giugno è uscito il nuovo album di Bill Callahan per l’etichetta Drag City, Shepherd in a Sheepskin Vest. Si tratta di un lavoro importante per il cantautore americano: il primo dopo sei anni (il periodo di pausa più lungo nella sua carriera ormai trentennale prima con lo pseudonimo Smog e poi col suo nome di battesimo), nei quali si è sposato, ha avuto un figlio, si è trasferito in California, ha sofferto del blocco dello scrittore, ha pensato di abbandonare per sempre il mondo della musica e poi ha recuperato l’ispirazione riabbracciando il suo amato Texas.

Il risultato è un disco lungo (un’ora circa), composto però per la prima volta da brani brevi. L’introspezione, che da sempre è stata la cifra fondamentale dell’opera dell’ex Smog, lascia il posto a osservazioni sempre profonde, ma anche divertenti, sulla sua nuova condizione di uomo e padre felicemente sposato. Un disco in cui per la prima volta il cantautore non appare solo, ma circondato dagli affetti presenti (la moglie, il figlio Bass) e assenti (la madre recentemente scomparsa, che ispira alcuni dei brani più belli).

Ma come si inserisce nella discografia di questo autore, e soprattutto come si fa ascoltare? Ve lo diciamo nella terza puntata del nostro podcast!

E voi cosa ne pensate del disco? Regge rispetto ai dischi precedenti di Callahan, o lo preferivate in versione “solitario”? Scrivetecelo qui o su Facebook.

2 Comments

  1. go right here 4 Dicembre 2020 at 17:51 - Reply

    What i do not realize is actually how you are not really much more well-liked than you may be now. You are very intelligent. You realize therefore considerably relating to this subject, produced me personally consider it from a lot of varied angles. Its like women and men aren’t fascinated unless it’s one thing to do with Lady gaga! Your own stuffs nice. Always maintain it up!

  2. look at this web-site 4 Dicembre 2020 at 16:57 - Reply

    The crux of your writing whilst appearing agreeable in the beginning, did not really work perfectly with me after some time. Somewhere within the sentences you actually managed to make me a believer unfortunately just for a while. I nevertheless have got a problem with your jumps in assumptions and you would do well to fill in those breaks. In the event you can accomplish that, I will surely be amazed.

Leave A Comment